Forscherin arbeitet mit Ampullen im Labor.

In Germania si può studiare medicina in 38 università. Gli studi di medicina sono generalmente strutturati in tre blocchi e si compongono di sei anni di studio e tre mesi di tirocinio in ambito infermieristico.

La facoltà di medicina è un corso di studio a numero a chiuso nazionale e le lezioni sono impartite solo in lingua tedesca.

L’ammissione a medicina è gestita a livello centrale dalla Stiftung für Hochschulzulassung (Fondazione per l’ammissione all’università): hochschulstart.de

Come sono strutturati gli studi di medicina in Germania?

I primi quattro semestri sono chiamati Vorklinik e si concludono con un esame comunemente conosciuto come Physikum, che corrisponde alla prima parte dell’esame di laurea.

I successivi sei semestri (dal quinto al decimo) sono invece denominati Klinik; a conclusione di questa fase gli studenti sono tenuti a sostenere la seconda parte dell’esame di laurea.

Il Praktisches Jahr, costituito dai due semestri conclusivi, comprende diversi periodi di formazione professionale medica di tipo esclusivamente pratico. Al termine di quest’ultimo anno lo studente svolge l’ultima parte dell’esame di laurea (Ärztliche Prüfung) e porta così a compimento gli studi universitari.

Accanto alla formazione teorica e agli esami, lo studio di medicina prevede anche formazione pratica parallela:

  • Krankenpflegepraktikum: il tirocinio della durata di 3 mesi deve essere svolto prima di iniziare gli studi o durante la pausa dalle lezioni. In ogni caso, lo studente è tenuto a presentare un certificato di avvenuto tirocinio prima del sostenimento dell'esame di laurea conclusivo del periodo Vorklinik.
  • Famulatur: la pratica, della durata complessiva di 4 mesi, deve essere svolta per un minimo di 2 mesi in una clinica, un mese presso lo studio di un medico di base e un mese in un presidio medico come il pronto soccorso o una Tagesklinik.
  • Praktisches Jahr (PJ): come dice la parola stessa, si tratta di un tirocinio di durata annuale, che ha luogo alla fine degli studi, ai quali normalmente fa seguito una specializzazione medica.

Quali sono i requisiti di ammissione?

Insieme ad ottime competenze di tedesco (livello C1), il requisito principale per ottenere un posto a medicina è il possesso del diploma di scuola secondaria superiore ottenuto con un ottimo voto di maturità, in genere compreso tra l'1,0 e l'1,1 - ovvero tra 99 e 100 (per approfondire il sistema di voti consulta la pagina Domanda e iscrizione presso le università).

Alla pagina di seguito sono consultabili le statistiche di accesso riferite ai precedenti semestri: hochschulstart.de

Come vengono assegnati i posti disponibili?

La ripartizione dei posti viene attualmente regolamentata sulla base di tre quote, ripartite come illustrato di seguito.

  • Il 30% dei posti viene assegnato agli studenti con il voto di maturità migliore (Abiturbestenquote).
  • Il 10% dei posti viene assegnato all’interno della cosiddetta “quota aggiuntiva attitudinale” (Zusätzliche Eignungsquote), sulla base di criteri indipendenti dal voto di maturità e stabiliti da ciascuna università, come ad esempio il risultato di un test attitudinale, lo svolgimento di un percorso di formazione professionale (Berufsbildung) o di un periodo di volontariato. Per maggiori dettagli si consulti il seguente documento.
  • Il restante 60% dei posti viene assegnato sulla base dei criteri stabiliti dai singoli atenei (Auswahlverfahren der Hochschulen). Il criterio principale è costituito, anche per questa quota, dal voto di maturità, ma nell’assegnazione dei posti le università devono tener conto di almeno altri due elementi: tra questi, ad esempio, precedenti percorsi di formazione professionale, esperienze lavorative e di volontariato, risultati di test facoltativi (come il TMS), ed altro. Una panoramica completa dei criteri considerati è disponibile qui.

Puoi trovare maggiori dettagli sull’assegnazione dei posti all’interno delle tre quote in questo approfondimento.

In questa pagina sono riportate le risposte alle domande frequenti sull’iter di candidatura.

Esiste un test d’ingresso? Che cos’è il TMS?

In Germania non esiste un test d’ingresso che determini l’accesso all’università. I posti sono assegnati unicamente secondo la procedura descritta nel paragrafo precedente. Il cosiddetto TMS, ovvero il Test für medizinische Studiengänge, è un test attitudinale facoltativo che, se superato brillantemente, può essere considerato come un punto a favore per il candidato durante il processo di selezione gestito dalle università. Il TMS può essere sostenuto una sola volta.

I dettagli e per la lista delle università che prendono in considerazione i risultati del TMS sono consultabili qui.

Qui sono invece riportate maggiori informazioni sul test facoltativo TMS.

Alla pagina di seguito è disponibile una brochure informativa che illustra la composizione del test TMS, contiene degli esempi pratici ed indicazioni su come prepararsi alla prova: tms-info.org

Trasferimento da un’università italiana

Per accedere a medicina, anche il passaggio da un’università italiana in un semestre successivo al primo è ad accesso limitato, ma è gestito direttamente dall’università di destinazione.

Gli iscritti a medicina presso un’università estera sono associati, al momento della candidatura, ai Quereinsteiger, ovvero a coloro che provengono da un corso di studi affine, diverso da medicina, ma già iscritti in Germania.

In linea generale, si può individuare il seguente iter. Occorre richiedere una certificazione dell’equivalenza dei voti ricevuti e degli esami sostenuti, che dovranno poi essere riconosciuti dal Landesprüfungsamt di competenza. Di norma si dovrà poi procedere alla candidatura online e all’invio dei documenti richiesti dall’università tedesca. Dopo un esame della candidatura e anche in considerazione dei posti disponibili, l’università potrà accettare o rifiutare la candidatura.

Bisogna tener conto del fatto che, a seconda di come l’università tedesca valuterà il percorso di studi fino a quel momento conseguito, allo studente potrebbe essere riconosciuto un numero di semestri minore di quelli effettivamente frequentati in Italia.