Fahnen mit dem DAAD-Logo vor der Außenfassade der Zentrale in Bonn.

Un breve sguardo alla storia è sufficiente per rendersi conto che il DAAD unisce l’essere umano e la scienza. Fondato nel 1925 ad Heidelberg per iniziativa di un solo studente, è, ad oggi, una delle principali organizzazioni per la promozione della mobilità internazionale di studenti e ricercatori.

Dalla sua fondazione il DAAD (in inglese) ha sostenuto oltre 1,9 milioni di studiosi in Germania e all’estero. È registrato come associazione delle università tedesche e delle comunità studentesche. La sua attività va oltre all’assegnazione di borse: il DAAD supporta l’internazionalizzazione delle università tedesche, rafforza la germanistica e la lingua tedesca all’estero, sostiene i paesi in via di sviluppo nella costituzione di istituzioni universitarie e fornisce consulenza ai responsabili decisionali nell’ambito della politica culturale, della formazione e dello sviluppo.
Il budget del DAAD proviene principalmente dai fondi di alcuni ministeri federali, soprattutto del Ministero degli Affari Esteri, dell’Unione Europea e di imprese, organizzazioni e istituzioni internazionali.

La presenza globale del DAAD

La rappresentanza centrale del DAAD si trova a Bonn, mentre a Berlino è presente un ufficio a cui fa capo il prestigioso programma per artisti “Berliner Künstlerprogramm”. Una rete di uffici regionali e Centri Informazioni (IC) in oltre 60 Paesi mantiene i contatti con i principali partner, in tutti i continenti, e offre consulenza in loco.

Borse di studio per i migliori

Il sostegno a studenti e ricercatori eccellenti rimane la missione principale del DAAD, che intende preparare leader e professionisti del futuro ad agire responsabilmente e realizzare interconnessioni durature in tutto il mondo. Il DAAD si propone di continuare a supportare la creazione di reti culturali e professionali tra i suoi borsisti ed Alumni.

Strutture cosmopolite

Il DAAD concepisce i suoi programmi in modo che le università possano avvalersene per realizzare le proprie strategie di internazionalizzazione. Per restare tra i Paesi guida nell’ambito della mobilità internazionale di studenti, entro il 2020 la Germania dovrà raggiungere la quota di almeno 350.000 studenti dall’estero e garantire un rendimento accademico simile a quello degli studenti tedeschi. Entro la fine del decennio un laureato su due dovrà aver maturato durante gli studi un’esperienza internazionale rilevante. Il DAAD sostiene l’importanza della lingua tedesca in ambito accademico, promuove il multilinguismo e contribuisce alla costituzione di uno spazio europeo universitario e di ricerca.

Il sapere per la cooperazione accademica

Alla base dell’attività del DAAD vi è la conoscenza amplia e differenziata delle strutture di cooperazione accademica e dei sistemi scientifici a livello mondiale. Questo è possibile grazie all’esperienza professionale dei suoi collaboratori e alla vasta rete di uffici regionali, Centri Informazioni e lettorati. Tale sapere viene costantemente aggiornato per essere utilizzato a livello di decisioni strategiche e per fornire un impulso all’internazionalizzazione del sistema accademico e scientifico.